Cos’è Freeporter.it?

Il collettivo Freeporter nasce dall’idea di due giovani reporter freelance italiani, con in comune la voglia di realizzare in totale autonomia autentici reportage su scala nazionale e internazionale.

Accomunati dalla stessa passione per un’informazione libera, limpida e indipendente, abbiamo deciso di unire le nostre competenze e i nostri contatti.

Un’unione che ha portato (e porterà) alla realizzazione di reportage, realizzati in campo nazionale e internazionale, con l’obiettivo di fornire ai nostri lettori e ai nostri clienti un’informazione a 360°.

La nascita del collettivo è da intendere come volta a colmare un gap all’interno del mondo dell’editoria italiana. In un’epoca in cui le grandi media houses si avvalgono sempre di più di collaboratori esterni, Freeporter.it vuole porsi come tramite tra la storia da raccontare e il mezzo stampa che la diffonde. A questo si unisce il carattere commerciale del collettivo, che, una volta realizzato il pezzo, lo venderà alle testate interessate.

Caratteri fondamentali:

  • Internazionalità: Fatta di contatti e collaborazioni con giornalisti e organi di stampa estera.
  • Multimedialità: Nel tentativo di fornire un’informazione completa, cercheremo (in base alle possibilità offerte dal singolo reportage e dalle nostre competenze) di realizzare contenuti audio/video/immagine che diano un senso di completezza al lavoro svolto.
  • Unità: Lavoriamo insieme. Per essere competitivi sul mercato bisogna essere competitivi, strutturati e stabili. Tutte caratteristiche che possono venire meno se manca passione e unità.

I nostri obiettivi sono:

  • Creare un collettivo che serva da stimolo ai ragazzi che aspirano a intraprendere questa strada professionale. La voglia di fare, spesso, non basta per realizzare contenuti appetibili e i costi da affrontare sono spesso elevati e proibitivi. Freeporter.it nasce con l’idea di dividere oneri e onori tra i suoi membri: la divisione dei costi e la divisione dei guadagni è una delle basi su cui si fonda il collettivo.
  • Le conoscenze e i contatti sono fondamentali sia per la realizzazione ex ante, che per la vendita e la circolazione ex post. Per questo motivo i membri del collettivo dovranno condividere tra loro tutti i nominativi in loro possesso, in modo da creare una rubrica redazionale che annoveri indirizzi mail e numeri di telefono di potenziali acquirenti.
  • Qualora il pezzo non dovesse essere comprato da nessuna testata, il sito Freeporter.it fungerà da portfolio del lavoro realizzato, garantendo una buona vetrina per i reportage e favorendone la condivisione e la viralità. (ATTENZIONE: anche qualora un pezzo dovesse essere venduto, il collettivo si riserverà la possibilità di pubblicarlo in seguito sul proprio sito, citando il nome dell’acquirente).

Pubblicati su

Schermata 2016-03-09 alle 18.38.28

Schermata 2016-03-09 alle 18.38.18